Iliad si avvicina. Il quarto gestore mobile italiano è pronto ad esordire in Italia. Si scaldano i motori per la grande guerra nella telefonia mobile italiana. Il piccolo Davide Iliad Telecom, sfiderà i Golia, Tim, Vodafone e la ormai consolidata Wind Tre. Ecco quello che c’ è da sapere sul quarto gestore mobile italiano.


Iliad Telecom controlla Iliad Italia, che ha il suo quartier generale a Milano. Il gruppo è impegnato in Francia nella telefonia mobile ed opera con il marchio Free Mobile. Per chi è appassionato di telefonia è leggenda vera. In pochi mesi in Francia, Free ha portato ad una vera incredibile rivoluzione nelle tariffe, sbaragliando la concorrenza. Milioni di clienti a fare la fila presso strani distributori automatici, il mezzo attraverso il quale l’ operatore in Francia distribuisce le proprie sim. E sì, perché la chiave pare essere semplicità e pochi fronzoli. Con politiche commerciali orientate prevalentemente al web e al self-service, così che si possano praticare prezzi da urlo.

Succede che poi quelli di Iliad, ormai forti in terra francese, decidono di invadere anche il nostro Paese. E schiacciare la triade Tim, Vodafone e Wind Tre. Ci sono riusciti grazie ad una rimanenza di antenne e frequenze frutto della fusione tra H3G e Wind. Circa un anno fa la Commissione UE ha infatti imposto al mercato italiano l’ apertura per un nuovo quarto operatore mobile. Un posto preso prontamente da Iliad – Free Mobile che è riuscita all’ ultimo a battere l’ altro soggetto interessato ad entrare nel mercato mobile, gli svizzeri di Fastweb.

Ora Iliad ha frequenze e antenne e sta preparando il grande lancio italiano della sua nuovissima compagnia.

Quando parte Iliad – Free Mobile in Italia? E come si chiamerà?

Il lancio ufficiale del nuovo agguerrito e tenace gestore avverrà entro l’ anno. In caso di ritardi, dicono ai vertici, si ritarderà massimo fino a febbraio 2018. Insomma, manca poco. Il nome di Free Mobile però non sarà Free Mobile. E non sarà nemmeno Iliad, che invece resterà semplicemente il nome della società controllante. Il marketing dell’ azienda sarà quindi veicolato attraverso un naming originale e tutto nuovo, pensato appositamente per il nostro mercato. Su quale sarà il nome, per il momento, c’ è il più stretto riserbo. Il codice operatore dovrebbe essere per l’ Italia il 222-50. Iliad avrà una rete propria ma per un lungo periodo, come sempre avviene per i nuovi soggetti entranti, usufruirà del roaming nazionale. Nello specifico, Iliad Telecom Italia sfrutterà il roaming sulla rete di Wind, per offrire a tutti gli italiani, internet, messaggi e telefonate. Con tariffe, almeno promettono i francesi, che lasceranno i consumatori italiani a bocca aperta. Staremo a vedere.

Nel frattempo i gestori nostrani non stanno a guardare. E sono probabilmente preoccupati dell’ arrivo dello tsunami francese. TIM ha infatti già partorito in fretta e furia la compagnia telefonica gemella Kena Mobile. Vodafone lancerà a breve una sua versione giovane, snella e low cost. E poi esordiranno a breve altre mini compagnie virtuali come Vectone Mobile e Optima Mobile. Insomma, in vista dell’ arrivo della telefonia made in France, il mercato italiano si apre, moltiplica i propri attori e si prepara ad una guerra di prezzi e atroce concorrenza mai vista prima. A tutto vantaggio, una volta tanto, degli utenti.